LA MIGLIORE STRATEGIA PER OTTENERE RISULTATI REALI

RECENSIONE Oppo Find X3 Neo 5G – Andrea Galeazzi 1

RECENSIONE Oppo Find X3 Neo 5G – Andrea Galeazzi

Confezione e contenuto

In confezione troviamo una cover in silicone trasparente, cavo USB/A to USB/C, caricabatterie da 65W e cuffie con connettore type-C.

Materiali design e touch-and-feel

É costruito in vetro e alluminio, spesso 8mm, largo 72mm e pesa 184 grammi. In mano risulta premium ma un po’ scivoloso e il comparto camere sporge parecchio e lo fa traballare se appoggiato al tavolo. Ha il WiFi 6, Bluetooth 5.2, 5G, un GPS molto veloce, Dual-SIM, NFC, Google Pay, ed è compatibile con android auto anche wireless. Esce il segnale video dalla type-c 3.1. L’unica criticità che ho rilevato è con il pairing del bluetooth.

Display

Il display è un’unità FHD+ OLED da 6.55”, con un refresh rate di 90Hz. È certificato HDR10+ e ha una densità di 402 PPI. Raggiunge i 1100 nits di luminosità e non si ha nessun problema a leggerlo neanche sotto la luce diretta del sole. Ho notato però un filo di effetto trascinamento quando si abbassa la luminosità, condizione nella quale tende un po’ al rossastro.

Processore e memoria

Il processore a bordo è lo Snapdragon 865 con GPU Adreno 650 affiancato da 12GB di RAM LPDDR4 e 256GB di memoria interna UFS 3.0.

Batteria

La batteria è da 4500mAh e permette la ricarica rapida a 65W. Sono arrivato a sera con il 20% di autonomia nella giornata con utilizzo stress, 10% girando tanti video. Scalda solo quando messo a dura prova ad esempio con molte chiamate o registrazione prolungata di video. La ricarica rapida a 25W gli permette di arrivare dallo 0 a 50% in 14 minuti. 35 invece per la ricarica completa.

Software ed ecosistema

Android 11 a bordo con l’interfaccia della Color OS 11.1, patch di sicurezza aggiornate a marzo. Come sul Pro mi è piaciuta, ho trovato tanta personalizzazione ma bisogna stare attenti a bloccare la chiusura automatica delle app in background, altrimenti potrebbero non arrivare le notifiche. • Si possono lasciare decidere a lui i tempi di ricarica che impara dalle nostre abitudini e la rallenta quando non necessario, • c’è la possibilità di personalizzare l’ always on display, modificare le icone, lo stile, il layout dello home. A proposito di notifiche, come sul Pro, non mi piace il fatto che dal pannello non si possa aprire l’app ma solo una determinata notifica, andando a visualizzare direttamente quella mail o quel messaggio.

Reparto telefonico

Il dialer è quello stock di Google, è dual-SIM e 5G. Nessun problema con la ricezione e buono l’audio sia in capsula, dove è confortevole, che vivavoce dove si sente sì stereo, ma con una preponderanza per l’altoparlante inferiore.

Foto e video

Il comparto fotografico è composto da: • un sensore principale Sony IMX 766 da 50 MP f/1.8, stabilizzato otticamente, • una fotocamera ultra-wide da 16MP, con ampiezza di 123°, • un teleobiettivo da 13MP e • macro da 2MP. • la camera anteriore è da 32MP Registra video in 4k 60FPS. Non è un top-cameraphone assoluto ma un cameraphone sì. Ottime le foto, anche con poca luce, buona la grandangolare anche se distorce un filo ai bordi e buono anche lo zoom fino a 5X, oltre sgrana parecchio. Ottimi anche i video, sgranano un po’ con poca luce ma molto ben stabilizzati.

Audio

L’audio è stereo, si sente molto bene, ma manca il jack delle cuffie.

App e gaming

Girando tra le app si è dimostrato fluido e velocissimo come era prevedibile per uno Snapdragon 865. Anche la vibrazione mi è piaciuta, non precissisima ma abbastanza secca e decisa. Real Racing si apre in 7 secondi. Presente la modalità competizione per spingere le prestazioni al massimo, disattivare le notifiche e poter registrare lo schermo.

Giudizio finale

Fonte: https://andreagaleazzi.com/recensione/recensione-oppo-find-x3-neo-5g/